Archivi tag: sociale

Barriere architettoniche: il GAAC fa miracoli

IL GAAC – Gruppo delle Associazione per un’abile città –

RAGGIUNGE IMPORTANTI TRAGUARDI

Barriere architettoniche

Treviso, città d’arte e d’acque, vuole essere ospitale ed accogliente anche con le persone con mobilità ridotta e con disabilità fisiche o sensoriali.

Durante un convegno di qualche tempo fa, incentrato sulla qualità della vita e dell’accessibilità alla Città di Treviso, emerse così il tema dell’individuazione degli ostacoli presenti in città e della loro rimozione. Nell’occasione il Presidente del Consiglio Comunale Franco Rosi fece incontrare UILDM e AISM, enti impegnati da tempo sul fronte dell’accessibilità e del turismo accessibile, grazie ai rispettivi “condottieri” Eddy Bontempo (Presidente UILDM) e Sergio Costanzo Boschieri (Vice Presidente dell’associazione AISM e preziosa risorsa di Treviso Civica). Da quell’incontro, coinvolgendo altre Associazioni del territorio, nacque il GAAC – Gruppo Associazioni per un’Abile Città.

Il Gruppo, composto da varie Associazioni che hanno come focus comune delle proprie attività proprio il mondo della disabilità, ha immediatamente avviato una collaborazione con l’Amministrazione Comunale: così, nella seduta del Consiglio Comunale del 30 aprile 2014, anche Treviso ha potuto adottare la Convenzione ONU dei diritti delle persone con disabilità . In seguito è stato riportato alla luce il PEBA (Piano di Abbattimento delle Barriere Architettoniche), che giaceva abbandonato in un cassetto dal 1995, e che censisce nel dettaglio tutti gli ostacoli presenti nel territorio comunale; il Gruppo ha individuato insieme all’Amministrazione le varie priorità di azione e le soluzioni concrete in ogni angolo della città. In seguito il Comune ha così potuto usufruire di 400.000 € di fondi europei per l’eliminazione delle barriere architettoniche. Figura fondamentale in questa fase è stato l’architetto Stefano Maurizio che, incaricato dal Comune di creare un percorso accessibile alle disabilità motorie e visive, ha reso l’intera via Roma (dalla stazione ferroviaria a Piazza dei Signori) completamente usufruibile da tutti. E altri due percorsi sono in fase di analisi e progettazione.

Altro nodo fondamentale dell’azione del GAAC è stato rendere Treviso turisticamente appetibile, proponendola come “Città dell’accessibilità“. Il turismo è un settore strategico fondamentale: la vicinanza della rinomata Venezia da sfruttare, introiti in crescita, occupazione in continuo miglioramento: perdere questo grande potenziale perché Treviso non è pronta ad accogliere anche persone con disabilità motorie, sensoriali o intellettive sarebbe un errore imperdonabile.

Infine, importantissimo è stato anche il tavolo di concertazione con Comune di Treviso, MOM e ULSS per risolvere concretamente problemi quotidiani:

  • accordo con MOM per la salita e la discesa assistite su autobus e mezzi; anche l’autista potrà dare un aiuto;
  • progetto per il rilascio di una app che comunichi velocemente, tramite GPS, le fermate degli autobus a tutti gli utenti MOM;
  • sinergia tra Comune, MOM e GAAC per la realizzazione di fermate degli autobus accessibili;
  • sinergia con l’ULSS per rendere accessibili e funzionali tutte le strutture dell’Ente;
  • collaborazione con l’Università Ca’ Foscari e BOOT CAMP per la sensibilizzazione degli studenti e della Città di Treviso.

Il Gruppo Associazioni per un’Abile Città (GAAC) si compone delle seguenti associazioni: AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), UICI (Unione Italiani Ciechi e Ipovedenti), UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con disabilità intellettiva e/o relazionale), ANGLAT (Associazione Nazionale Legislazioni Andicappati Trasporti), CPAH Treviso (Coordinamento Provinciale Associaizoni Handicappati), Oltre le Barriere Treviso, Associaizone Parkinson Treviso, Sidima, Rabaltamente. E le seguenti persone fisiche: Stefano Maurizio, architetto; Massimo Piani, Architetto.

VISITE OCULISTICHE GRATUITE ALL’ISRAA

OCULISTICA GRATIS A DOMICILIO:

SOLIDARIETÀ NELLE CASE DI RIPOSO DELL’ISRAA

Altro bel traguardo raggiunto dal Consigliere Comunale Sossio Vitale

visite oculistiche gratuite

Dare nuova luce a chi ci vede sempre meno. E quindi visite oculistiche gratuite in loco per gli anziani residenti nelle case di riposo ISRAA, impossibilitati a muoversi.

È questa l’iniziativa promossa dal Lions Club Treviso Eleonora Duse, che ha finanziato l’acquisto di tutta la strumentazione necessaria per visite mediche specialistiche a domicilio, anche per quelle di grande difficoltà.

A controllare lo stato di salute degli occhi dei residenti all’ISRAA sarà il dottor Paciocchi, già primario del reparto di oculistica a Oderzo, il quale ha gratuitamente messo a disposizione le sue competenze. L’iniziativa è partita nel gennaio scorso e, ad oggi, circa 200 persone che non sarebbero state in grado di rivolgersi autonomamente agli ambulatori della Ulss hanno invece ricevuto un consulto oculistico, nonché le eventuali cure necessarie. I pazienti sono stati individuati direttamente dal personale dell’ISRAA, che conta 13 medici e 70 infermieri.

Così commenta il Presidente del Club “Eleonora Duse” e nostro Consigliere Comunale Sossio Vitale, vero artefice della lodevole operazione: “Per alcuni ospiti dell’ISRAA sarebbe impensabile andare all’ospedale. Quindi abbiamo pensato di mettere a disposizione un servizio, sfruttando anche la grande disponibilità del dottor Paciocchi, che presta la sua preziosa opera del tutto volontariamente. Si tratta di visite specialistiche che spesso servono a individuare patologie importanti, come cataratte, glaucomi o maculopatie, e da lì avviare dei percorsi di cura ad hoc”.

Molto soddisfatto anche il Presidente dell’ISRAA Luigi Caldato, che ha colto al volo l’opportunità offertagli dal nostro Consigliere: “Questa è una collaborazione importantissima, che unisce due eccellenze della città. Il nostro obiettivo rimane sempre quello di prenderci cura nel migliore dei modi di anziani e cittadini“.

22/04/13 – Il sociale sfida la crisi

il-sociale-sfida-la-crisi

Lunedì 22 aprile alle 20:45, presso l’Hotel Cà del Galletto a Treviso, si terrà l’incontro Il sociale sfida la crisi – Le politiche di welfare in tempi di crisi economica, coordinato e condiviso anche da Treviso Civica.

Temi:

  • Protezione sociale in tempi di crisi, a cura di Giorgia Gai, giornalista
  • Il livello politico nazionale, a cura di Antonio De Poli, senatore
  • Il livello politico regionale, a cura di Claudio Sinigaglia, consigliere regionale
  • Il ruolo del comune, a cura di Roberto Grigoletto, consigliere comunale

Interverrano inoltre:

  • Rita Zanutel, amministratore
  • Maria Alessandra Geremia, medico
  • Dario Brollo, Banca Etica

Chiuderà l’incontro Giovanni Manildo, candidatosindaco alle elezioni amministrative 2013.