Rientro delle tele a San Teonisto

RIENTRO DELLE TELE A SAN TEONISTO

Il Comune di Treviso e Fondazione Benetton Studi e Ricerche raggiungono un obiettivo importante per la vita culturale della città: da lunedì 15 gennaio sarà possibile trovare ricollocate nella loro originaria sede della chiesa di San Teonisto diciannove capolavori che un tempo adornavano le pareti dell’edificio.

La chiesa di San Teonisto, posta proprio accanto alla grande basilica di San Nicolò, è un piccolo grande gioiello di Treviso. Recentemente restaurata, intende diventare una tappa imprescindibile nell’itinerario di bellezza nella nostra città.

IL RIENTRO DELLE TELE A SAN TEONISTO

Grazie alla convenzione trentennale tra il Comune e Fondazione, sono state restaurate e restituite a San Teonisto diciannove delle ventidue tele salvate dalla sottrazione napoleonica. I quadri, a seguito degli ingenti danni occorsi dopo il bombardamento del 7 aprile 1944, furono trasportati presso il Museo di Santa Caterina. Mancano alla collezione originaria tre opere che non appartengono più al Comune di Treviso, tra le quali “Le Nozze di Cana” di Paolo Veronese, conservata a Palazzo Montecitorio a Roma.

Le tele furono commissionate nel secolo XVII dalle monache benedettine che gestivano il convento e la chiesa di San Teonisto a illustri pittori dell’epoca:

Giacomo Lauro, Carletto Caliari, Matteo Ingoli, Bartolomeo Scaligero, Pietro della Vecchia, Ascanio Spineda, Alessandro Varotari detto il Padovanino, Matteo Ponzone, Paolo Veronese e Antonio Fumiani.

Il consigliere di Treviso Civica SOSSIO VITALE, in qualità di presidente della prima commissione “Cultura e Finanza”, è intervenuto per apportare una modifica importante alla delibera: prendendo spunto da un’osservazione della consigliera Zanussi, ha inserito un emendamento per dar modo di organizzare per la cittadinanza le visite guidate alla chiesa di San Teonisto in modo permanente, anche dopo il termine degli eventi organizzati da Fondazione Benetton.

PROGRAMMA DEGLI EVENTI CON FONDAZIONE BENETTON

In occasione del rientro delle tele a San Teonisto, la Fondazione ha preparato un ricco menù culturale per riscoprire quest’ingente patrimonio artistico:

Sabato 13 gennaio 2018 ore 11:30 – Chiesa di San Teonisto → cerimonia del tradizionale taglio del nastro seguita da un momento musicale: Stefano Trevisi al clavicembalo Anna Tonini al flauto traverso interpreteranno le musiche di Bach

Da lunedì 15 a sabato 20 gennaio alle ore 18:00 → visite guidate seguite, alle ore 19:00, da in breve concerto per pianoforte, in collaborazione con il Conservatorio Steffani di Castelfranco Veneto, con musiche di Chopin, Brahms, Beethoven, Clementi, Shubert, Haydn, Debussy, Schumann, Haydn e Liszt.

Nomi prestigiosi faranno da Cicerone per le visite guidate:

  • Elisabetta Gerhadinger, conservatrice Musei civici di Treviso;
  • Luca Majoli, Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso;
  • don Paolo Barbisan, direttore dell’Ufficio Diocesano per l’arte sacra e i beni culturali;
  • Marta Mazza, direttrice Museo Nazionale Collezione Salce;
  • Eugenio Manzato, storico dell’arte.

PRENOTAZIONI

L’ingresso ai concerti è gratuito. Per le visite guidate di Fondazione Benetton, la prenotazione è obbligatoria:

TELEFONO → 0422 5121

MAIL → [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *