PROVINCIALI: FERMATO IL PATTO PD-LEGA NORD

ELEZIONI PROVINCIALI 2016:

TREVISO CIVICA BLOCCA IL PATTO PD-LEGA NORD

Sant'Artemio Treviso

La sede della Provincia, a Sant’Artemio

Ben ritrovati.
È stata un’estate molto vivace, dalle parti di Ca’ Sugana e Sant’Artemio. Forse avrete letto la vulcanica intervista del nostro Franco Rosi, lo scorso 19 agosto sul Gazzettino: quello che è successo e che sta succedendo per le Provinciali richiede chiarezza e trasparenza, e siamo qui per darvi l’una e l’altra.

Il 18 settembre si voterà il nuovo Presidente della Provincia di Treviso. Alcuni di voi non lo sapevano? Certo, perché gli elettori non saranno più i cittadini, ma i Sindaci e i Consiglieri dei 95 Comuni della Provincia di Treviso.
Con la riforma Delrio del 2014, infatti, la Provincia è diventata un ente di secondo livello: ridotte le competenze, parte del personale è stato ridistribuito in altre posizioni del pubblico, non ci saranno più Assessori. Nel nuovo disegno (non del tutto fedele al testo originale) la nuova Provincia sarà un ente gestito da 16 consiglieri e 1 Presidente, gli uni e l’altro scelti tra gli amministratori dei vari Comuni della Provincia di Treviso, e direttamente dai loro colleghi.

Primo punto da chiarire subito: quanto costeranno questi nuovi Presidente e Consiglieri ai trevigiani? Zero: nessuno stipendio né rimborso supplementare, oltre a quanto già percepito come anministratori del proprio Comune. Doppio incarico non significherà doppio stipendio, dunque.
Ora veniamo alle cronache di Marca: il Presidente uscente Leonardo Muraro, vecchia tigre della Lega Nord, ha dunque indetto elezioni per il 18 settembre, con decreto dello scorso 19 luglio; il termine ultimo per la presentazione delle liste era il 29 agosto. Tutto alla luce del sole. Un sole abbagliante, quello estivo, talmente accecante da far spegnere le luci dei riflettori: in agosto nessuno vuole sentir parlare di politica, tantomeno i politici, e la stampa spesso asseconda il sentire comune cercando notizie più allettanti sotto gli ombrelloni.

In politica, se vuoi portare avanti un progetto senza che nessuno se ne accorga, lo fai in agosto.

Ma Treviso Civica se n’è accorta. Si è accorta che il Patto PD-Lega Nord stava proseguendo, e che dopo Ascopiave, Ats e Contarina, ora toccava alla Provincia d’essere conquistata e ripartita tra i 2 grandi partiti. Era tutto pronto: un unico Listone PD-Lega Nord con posti già assegnati.

Ancora una volta TRA DI LORO, ancora una volta SENZA DI NOI.

Dove quel “Noi” non sta per Treviso Civica, ma per tutte le civiche che governano o hanno amministratori nei 95 Comuni della Provincia di Treviso, e quindi sta per una fetta enorme di elettori del territorio. Tutti cittadini esclusi che hanno rischiato, e tanto, di non essere rispettati, rappresentati e tutelati. Per questo Franco Rosi ha alzato la voce. Per questo Lega e PD sono ora costrette a sfidarsi, e accanto a loro si è formata una terza lista di 13 candidati Consiglieri (c’è anche Sossio Vitale), tutti provenienti dalle Civiche di Marca.

Secondo punto da chiarire: questa lista sosterrà la candidatura di Giovanni Manildo a Presidente della Provincia. Non certo perché è alleato di Treviso Civica, tantomeno perché egli è rappresentante del Partito Democratico, ma semplicemente perché Manildo è il Sindaco del Comune capoluogo, e la legge Delrio inizialmente prevedeva proprio che fosse il primo cittadino del Comune capoluogo a guidare il nuovo ente. È stata una scelta difficile ma trasparente e oggettiva, in nome della giustizia. Abbiamo evitato l’accordo sottobanco, abbiamo difeso prima di tutto i nostri elettori, abbiamo tutelato quelli di Lega Nord e PD che venivano presi in giro, abbiamo lavorato per la trasparenza e, infine, abbiamo sfaldato il Listone, la lista unica dei prescelti che si sarebbero spartiti tutti i posti.

Ora ci auguriamo francamente di far eleggere più Consiglieri possibile dalla nostra lista, perché è sacrosanto e fondamentale che le Civiche possano rappresentare voi elettori nel prossimo Consiglio Provinciale. Staremo a vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *