Archivi categoria: Eventi

APERITIVO DI NATALE CON TREVISO CIVICA

 

Banner Auguri Treviso Civica

Per farci gli auguri e per una serata frizzante come un prosecco SIETE TUTTI INVITATI all’ Aperitivo di Natale

LUNEDI’ 19 DICEMBRE alle 18:45 al bar DA BEPI, via del Galletto 40 a Santa Bona.

Coglieremo l’occasione per aggiornare tutti sull’intensa attività di Treviso Civica: in questo periodo, infatti, la lista è molto impegnata su vari fronti, da quello amministrativo al lavoro nei quartieri. In particolare, teniamo molto a presentarvi lo sviluppo di Treviso Civic Lab, un laboratorio col quale abbiamo intrapreso un dialogo diretto con i residenti dei quartieri. Obiettivo del laboratorio è quello di farsi tramite presso l’Amministrazione, la Giunta e gli uffici preposti dei bisogni dei residenti, dar loro voce, accelerare (dove possibile) l’iter delle proposte e la loro realizzazione.

Partito a settembre 2016 con il coinvolgimento di una quindicina di persone che ci aiutano a verificare ciò che le persone avvertono come necessario per la vita propria, della comunità e della città, Treviso Civic Lab ha l’obiettivo di definire 5 progetti prioritari per 5 quartieri, agevolandone la realizzazione entro il 2017-2018.

La selezione di questi 5 progetti prioritari sarà dunque fatta insieme ai cittadini, con il Sindaco e gli assessori competenti al fine di dare risposte concrete e tempi certi. Alcuni progetti, ad esempio, hanno budget importanti che vanno stimati con gli uffici. Altri possono invece essere realizzati anche con investimenti molto contenuti: progetti diversi per diverse esigenze.

Molti percorsi sono già intrapresi: ci racconteremo gli sviluppi all’aperitivo di lunedì 19! Vi aspettiamo per gli auguri di Natale!

Referendum Costituzionale: Sì o No?

REFERENDUM COSTITUZIONALE:

TREVISO CIVICA A PALAZZO DEI 300

PER UN DIBATTITO PENSATO ANCHE PER I PIÙ GIOVANI

Referendum Costituzionale

Non sarà il solito dibattito sul Referendum Costituzionale.

Treviso Civica, come sempre, ha voluto fare le cose per bene, con l’obiettivo di nutrire menti voraci, e con la solita attenzione per i più giovani: martedì 22 novembre alle ore 20:45, a Palazzo dei Trecento, avrà luogo un dibattito completo, comprensibile, obiettivo e soprattutto utile.

Abbiamo scelto accuratamente i relatori, individuando chi fosse in grado di parlarci della Costituzione e della sua riforma con competenza e chiarezza, con lucidità e senza pregiudizio. Relatori capaci di spiegare e di coinvolgere, senza alzare la voce.

Il nostro Sossio Vitale (che da un po’ di tempo si sta prodigando per il Sì), ma anche il presidente della sezione ANPI di Treviso Giuliano Varnier, un magistrato di straordinario calibro come Massimo Michelozzi, e il professor Sandro De Nardi, costituzionalista e docente di diritto pubblico all’Università di Padova.

“Vogliamo informare prima di tutto i giovani, vogliamo che tutto sia loro chiaro al momento del voto.” Dice Franco Rosi, che sarà il moderatore della serata “In particolar modo ci rivolgiamo a chi vota per la prima volta, ai neo-maggiorenni, e quindi siamo ben decisi a coinvolgere direttamente gli istituti superiori del nostro territorio”.

Appuntamento allora, è bene ribadirlo, martedì 22 novembre alle ore 20:45, a Palazzo dei Trecento: partecipate, informatevi, lasciatevi coinvolgere, per prendere una decisione fondamentale per molti anni a venire.

Enrico Letta a Treviso

Giovedì 10 novembre a Palazzo dei 300

Incontro con Enrico Letta per parlare di Coscienza e Politica

Enrico Letta a Treviso

La locandina che promuove l’incontro del MEIC con l’ex PCM Enrico Letta

Segnaliamo un’ottima iniziativa del MEIC di Treviso (Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale): giovedì 10 novembre alle ore 17:30 incontro aperto a tutti con l’ex Presidente del Consiglio Enrico Letta, proprio per parlare di un tema fondamentale ed ispiratore per la lista Treviso Civica: l’azione politica intesa non come avventura finalizzata al riconoscimento personale, ma come professione morale orientata al Bene Comune.

Abbiamo intervistato Umberto De Conto, Presidente del MEIC di Treviso, sulle ragioni dell’iniziativa e sull’attività del loro gruppo:

COSCIENZA è un tema cruciale in tutta l’attività del MEIC (è anche il titolo della rivista trimestrale): che significato ha questa parola per il mondo cattolico?

È così cruciale che, dopo l’ultima assemblea nazionale, abbiamo deciso di affrontarlo con un percorso biennale, iniziato nell’autunno del 2015 e che si concluderà nella prossima primavera. Non c’è lo spazio per riassumere tutte le argomentazioni, ma possiamo fare riferimento al numero 16 della Gaudium et Spes sul ruolo della coscienza cristiana, al “Mito di Sisifo” di Albert Camus, in cui lo scrittore-filosofo afferma che “Tutto comincia con la coscienza e nulla ha valore se non per mezzo di essa”, o ancora a S. Tommaso secondo cui “la coscienza è un principio spirituale che corregge e istruisce l’anima ed è, per questo, un esercizio di ragione”. Dalla coscienza della coscienza (può sembrare un gioco di parole, ma è l’essenza dell’essere umano) al suo esercizio in tutti i luoghi nei quali è necessario discriminare tra le opzioni e orientare l’agire. Ecco allora l’ambito educativo, la ricerca, la comunicazione, la vita ecclesiale e ora, appunto la politica: l’ambito del compromesso tra il desiderato ed il possibile, tra il personale e il collettivo.

Giovedì prossimo a Palazzo dei 300 il MEIC ha organizzato un incontro con l’ex primo ministro Enrico Letta per parlare del rapporto tra autorità e coscienza nell’esercizio del potere politico: a chi è diretto l’incontro? Di cosa ci parlerà Enrico Letta?

Di Enrico Letta ci piace ricordare, oltre all’esperienza ministeriale, la tensione formativa e la dimensione europea della sua storia. Fin dall’esordio nella segreteria di Beniamino Andreatta, è riuscito ad essere contemporaneamente attento agli aspetti economici, alle relazioni tra i popoli, all’integrazione europea, alle dinamiche culturali, alle istituzioni pubbliche da rinnovare, fino alla politica da adeguare ai tempi. Anzi alle politiche, come indicato dalla sua proposta avviata recentemente a Roma: la Scuola di Politiche. Un pluralismo non dissociato, ma integrato e rispondente alla complessità dei tempi. In tali situazioni solo una coscienza allenata e correttamente esercitata può aiutare ad individuare percorsi e fare le scelte opportune.

È quello che gli abbiamo chiesto di condividere con noi.

Data la notorietà del relatore abbiamo pensato ad un’uscita “pubblica” del MEIC e per questo l’incontro si svolgerà nel luogo in cui, da oltre otto secoli, si esercita la politica trevigiana.

Qual è l’attività del MEIC a Treviso? Come partecipare? Quali iniziative?

Il MEIC è nato sulla scia del Movimento Laureati dell’Azione Cattolica, si colloca tra le aggregazioni ecclesiali, con l’attenzione principale alla dimensione culturale del vivere civile ed ecclesiale. Non è un gruppo di intellettuali, anzi, ma di persone che desiderano conoscere nel profondo e riflettere in modo collettivo sulle questioni che investono l’uomo d’oggi.
Il gruppo di Treviso propone tre iniziative: gli incontri, più o meno mensili, sul tema annuale; i due momenti di riflessione spirituale in Avvento e in Quaresima; il percorso di Arte e Fede che prevede la visita ad una città d’arte o di luoghi significativi per la fede delle nostre regioni. Si può aderire contattando i soci o la segreteria dell’Azione Cattolica diocesana.